Definizione di Implantologia Dentale

 

Che cos’è la tanto apprezzata implantologia dentale?

 

Da qualche anno è entrata a far parte dell’Odontoiatria anche l’implantologia dentale che è apprezzata dai pazienti poiché risolve i problemi della mancanza dei denti tempestivamente evitando estenuanti e faticose visite dentistiche. Gli impianti dentali sono delle viti in titanio, materiale che l’organismo umano accetta e non c’è rischio di rigetto.

Queste viti vengono inserite nell’osso mascellare o mandibolare e hanno la precisa funzione di sostituire le radici naturali dei denti. Su queste radici dette anche monconi, verranno inserite protesi fisse. L’implantologia è il sorprendente risultato di tante ricerche effettuate negli anni che hanno dato modo a molti pazienti di gettar via le scomode protesi mobili o le dentiere per tornare nuovamente a sorridere con denti finti ma assolutamente verosimiglianti a quelli naturali.

Quando si perde un dente o si estrae, cominciano a sorgere una serie di problemi molto significativi. Infatti, si riassorbe l’osso e si perde la sua quantità tanto che inizia il problema del labbro che ha poco supporto, si formano delle rughe nei pressi delle labbra e si potrebbero presentare ‘problemi relativi alle articolazioni temporo – mandibolari’.

 

L’implantologia dentale offre tanti vantaggi nella sua semplicità

 

Affidarsi all’implantologia è una scelta consapevole ed intelligente perché nella sua semplicità garantisce un sorriso più che naturale con notevoli vantaggi.

Innanzitutto si minimizzano le conseguenze post operatorie e quando vengono posizionate le viti al titanio, comincia anche l’osteointegrazione tanto che in breve tempo, il paziente acquista un’ineccepibile funzione masticatoria.

Le corone sono simili ai denti naturali e sono praticamente verosimiglianti a questi tanto che, difficilmente ci si accorge che si è in presenza di protesi.

 

Implantologia Dentale

 

Gli impianti sono l’ideale per quelle persone che non avrebbero mai immaginato che pur essendo portatrici di dentiere, avrebbero finalmente sorriso grazie a delle protesi fisse. Le protesi inoltre, evitano di affilare quei denti adiacenti che servivano da supporto per incapsulare un dente perso.

 

Quando è possibile installare un impianto?

 

L’impianto si può installare nella stragrande maggioranza dei casi ma naturalmente sarà compito del dentista decidere quale impianto collocare.

Ciò sarà possibile grazie alle innovative tecniche diagnostiche che precedono l’intervento e che consistono in radiografie panoramiche, TAC mirate e tridimensionali che consentiranno all’implantologo di verificare la qualità dell’osso per stimare il punto dove le viti verranno ancorate.

Il processo operatorio è praticamente indolore ed avviene in anestesia locale tranne in alcuni casi quando il paziente è troppo ansioso. In questo caso viene effettuata una sedazione cosciente cioè il paziente viene sedato per farlo tranquillizzare ma senza essere intubato tant’è vero che potrà rispondere alle domande dello specialista.

Tutto questo avviene in presenza di anestesisti ospedalieri che rassereneranno il paziente con la loro supervisione. Dopo il posizionamento degli impianti nella maggior parte dei casi, viene collocata una protesi fissa ma non permanente e il paziente può tranquillamente andare a casa dove dovrà osservare una semplice terapia domiciliare che consiste in norme di igiene orale identiche a quelle che si effettuano in presenza di denti naturali.